Piano pensionistico ▷ Come funziona + Quando interessa + Il migliore

In questo articolo ti dirò tutto quello che c’è da sapere su uno dei prodotti più comuni, il piano pensionistico.

Aprire un piano pensionistico è una decisione molto importante e non devi prenderla alla leggera.

È qualcosa che ha avuto implicazioni per il resto della tua vitaE può segnare il tuo pensionamento.

E non devi solo pensare se un piano pensionistico ti compensa o meno.

pure devi scegliere in quale piano pensionistico investire i tuoi soldi, Qualcosa che molti non lo fanno.

La cosa normale è andare in banca per aprire il tuo piano pensionistico, e questo è un grosso errore.

I piani pensionistici bancari non sono praticamente mai i migliori, e ricorrervi per pigrizia può essere il motivo per smettere di guadagnare decine di migliaia di euro.

Ho un piano pensione, che ho aperto nel 2019, e posso già dirti che non è bancario.

Non è il piano pensionistico di ING o di qualsiasi altra banca, perché non credo siano le migliori.

Allora te ne parlerò di più.

In pochi minuti scoprirai come funziona un piano pensionistico, Sia quando si investe che quando si salva e si pagano le tasse, e te lo dirò anche qual è il miglior piano pensionistico secondo me.

piano pensionistico

– Indice di ciò che imparerai leggendo questa guida –

Cos’è un piano pensionistico?

Un piano pensionistico è un prodotto di risparmio finanziario, l’obiettivo è accumulare denaro per il futuro, Di solito in pensione.

Questo denaro può essere rimborsato al momento del pensionamento in due modi, sotto forma di capitale o sotto forma di reddito periodico, e l’obiettivo è solitamente quello di integrare la tua pensione.

In molti casi, un piano pensionistico è visto come un prodotto in cui versare periodicamente, solitamente mensilmente, contributi di denaro, con l’obiettivo di risparmiarne alcuni ogni mese e accumulare questo risparmio per il futuro, ottenendo anche una certa redditività.

Tuttavia, questa non è l’unica opzione.

Non è obbligatorio versare regolarmente contributi al proprio piano pensionistico, Puoi crearli in qualsiasi momento.

Mentre i piani pensionistici tradizionali sono simili, ce ne sono molti tipi.

Ci sono piani pensionistici garantiti e non garantiti, c’è chi investe soldi in reddito fisso e quindi ha un rischio molto basso, c’è chi investe in azioni ed è più aggressivo, e così via.

Quindi, come ti ho detto prima, non devi solo decidere tra avere un piano pensionistico o non averlo. Dovresti anche studiare attentamente quale piano pensionistico realizzare, nel caso in cui decidi di assumerne uno.

A proposito, non dovresti confondere i piani pensionistici con i piani pensionistici, anche se il loro obiettivo è lo stesso, accumulare capitale per il futuro.

Un piano pensionistico è strutturato come un fondo pensione, mentre un piano pensionistico è strutturato come un’assicurazione di risparmio sulla vita.

Oltretutto, anche la loro tassazione e liquidità sono molto diverse.

I piani pensionistici più noti sono PIES, Unit Linked, ecc.

Come funziona un piano pensionistico

Un piano pensionistico è molto simile a un fondo di investimento.

Puoi investire denaro ed effettuare contributi sia regolari che una tantum, e questi soldi saranno investiti secondo la struttura del piano, con l’obiettivo di renderlo redditizio nel lungo periodo.

Naturalmente, i piani pensionistici hanno alcune caratteristiche speciali e uniche:

  • La tassazione di un piano pensionistico è diversa da qualsiasi altro prodotto.

Un piano pensionistico comporta un risparmio fiscale e i contributi che fai al tuo piano sono deducibili dalle tasse al momento della presentazione della dichiarazione dei redditi.

I tuoi contributi sono detratti dalla base imponibile dell’imposta sul reddito delle persone fisiche, con un massimo di € 8.000 o fino al 30% del tuo reddito netto da lavoro, a seconda di quale sia inferiore.

  • Il contributo massimo ai piani pensionistici è di 8.000 euro annui.

Non potrai contribuire di più, tranne in casi specifici come il tuo partner che non ha reddito o la presenza di una disabilità.

  • Quando riscatti il ​​tuo piano pensionistico dovrai pagare le tasse su tutti i soldi del piano, e sarà tassato come reddito da lavoro.

Quando investi in altri prodotti, come un fondo di investimento, devi solo pagare i profitti generati e sono trattati come rendimenti del capitale proprio.

Questa è la più grande differenza tra un piano pensionistico e altri prodotti di investimento.

  • Puoi scegliere di salvare il capitale dal piano pensionistico sotto forma di reddito.

Salvataggio di un piano pensionistico

È imperativo considerare quando un piano pensionistico può essere riscattato, in quanto non sempre lo si può fare, come se si potesse fare con fondi comuni di investimento.

Fino al 2015 veniva considerato solo il riscatto di un piano pensionistico al raggiungimento del pensionamento, salvo circostanze speciali come invalidità, disoccupazione di lunga durata o decesso di un titolare.

Nel 2015 è stata modificata la legge ed è stato stabilito che i soldi investiti in un piano pensionistico potessero essere recuperati dopo 10 anni di investimento, a partire dal 2025.

Inoltre, come ho detto prima, il salvataggio di un piano pensionistico ha anche alcune implicazioni fiscali.

come funziona un piano pensionistico

In breve, dovrai pagare le tasse su tutti i soldi che riscatti, trattandoti come reddito da lavoro e tassando sotto forma di imposta sul reddito delle persone fisiche.

Pertanto, se decidi di riscattare subito il tuo piano pensionistico, puoi versare fino al 50% sotto forma di tasse all’Agenzia delle Entrate.

Ecco un articolo in cui vi parlo in modo molto più completo della tassazione di un piano pensionistico.

I migliori piani pensionistici

Assumere un pessimo piano pensionistico può essere molto, molto costoso.

Immagina, ad esempio, di assumere un piano che ti offre un rendimento molto basso e durante la tua vita investi un totale di € 40.000, che diventa € 60.000.

Quando salvi i tuoi soldi, se decidi di salvarli tutti in una volta, pagherai circa il 40% di tasse, 24.000 € in totale, e prenderai solo 36.000 € in tasca.

Pertanto, finirai per avere meno soldi di quelli che hai investito, anche se fossi in grado di detrarli sulla tua dichiarazione dei redditi.

La chiave, quindi, è scegliere un buon piano pensionistico, che faccia crescere i tuoi soldi al massimo.

Secondo me è chiaro, i migliori piani pensionistici sono quelli indicizzati.

➤ Come ti ho detto, Personalmente ho un piano pensionistico ed è indicizzato.

Un piano pensionistico indicizzato funziona esattamente come uno a vita, ma le sue commissioni sono molto più basse.

Sono piani di gestione passiva, che replicano semplicemente un indice del mercato azionario piuttosto che cercare di batterlo.

Ciò rende le commissioni meno della metà e rende anche molto più probabile la redditività a lungo termine, come oltre il 90% dei fondi pensione e dei piani a gestione attiva peggiorano la situazione rispetto al loro benchmark a lungo termine.

Ecco perché non ti consiglierò il piano pensionistico di nessuna banca. Né ING, né Banco Santander, né BBVA …

I piani pensionistici bancari non sono i migliori in quanto fanno pagare più commissioni e questo implica una minore redditività a lungo termine.

Le banche non offrono piani pensionistici indicizzati, almeno come regola generale.

Puoi assumere un piano pensionistico in quello che è noto come un consulente per i furti, un gestore automatizzato che crea e gestisce un piano pensionistico indicizzato o un portafoglio di fondi indicizzati.

Ho il mio in Index Capital ei risultati sono fantastici.

Quando sei interessato a un piano pensionistico?

Ho un piano pensionistico, come ti ho detto, però Penso che non sia qualcosa che di solito compensa.

L’ho assunto perché il mio obiettivo è raggiungere l’indipendenza finanziaria e vivere senza dover lavorare.

E, in questo caso, potrò riscattare circa 13mila euro all’anno dal mio piano pensionistico senza passare per l’Agenzia delle Entrate, eliminando il più grande svantaggio di un piano pensionistico, la sua tassazione.

In questo caso, penso che ripaghi.

Può anche compensare se guadagni abbastanza denaro, a partire da circa € 50.000, poiché la detrazione annuale sulla dichiarazione dei redditi compensa le elevate tasse che paghi quando riscatti il ​​tuo piano.

In altri casi, Penso che paghi molto di più aprire un fondo comune di investimento indicizzato, Per esempio.

Vantaggi dei piani pensione rispetto ad altri prodotti

  • Detrazione nella dichiarazione dei redditi.

Davvero, è l’unico vantaggio che vedo di questo prodotto rispetto ad altri.

Svantaggi di un piano pensionistico rispetto ad altri prodotti

  • Mancanza di liquidità in quanto non puoi riavere i tuoi soldi quando vuoi.
  • Le tasse devono essere pagate al momento del ritiro come prestazione lavorativa su tutti i soldi.
  • L’OCU consiglia di non acquistare un piano pensionistico. Ecco uno snippet del suo pensiero, chiarendo ulteriormente perché la loro tassazione non è così vantaggiosa come sembra.

Uno degli agganci che le entità utilizzano per attirare i clienti sono i presunti benefici fiscali dei piani pensionistici. Ma la realtà è molto diversa. Contrattando un piano, potrai ridurre l’imposta sul reddito delle persone fisiche con i contributi, ma al momento della riscossione dovrai tassare tutti i soldi (contributi più guadagni) come reddito da lavoro, con il quale puoi arrivare a tassare per esso a 43 %. Al contrario, se investi in un fondo di investimento, tasseresti solo il 19 o il 21% e solo sui profitti. Così tanti investitori vengono colpiti nel culo e finiscono per pagare più tasse quando raccolgono il piano da coloro che hanno risparmiato con i contributi.

  • Niente è per sempre. Consideriamo il trattamento fiscale dei piani pensionistici un vantaggio, ma tale trattamento può cambiare. Nel 2015 il suo trattamento è leggermente peggiorato e non si sa mai quando potrebbe cambiare di nuovo.

Finora questa guida sui piani pensionistici, spero tu l’abbia trovata utile.

Mi hai nei commenti per risolvere eventuali domande che potrebbero essere in sospeso.



Leave a Reply