Valutazione della seduta, perdite di supporti in Dax ed Eurostoxx e perché cadono oro, euro e petrolio

Nuovo giorno caratterizzato dal tono rosso nella maggior parte dei mercati azionari. Oltre a vedere tutto, commenterò perché l’oro e l’euro stanno cadendo (cosa che molti investitori non si aspettavano), senza dimenticare il petrolio.

Le azioni rimangono ribassiste poiché in diversi paesi vengono confermate misure di limitazione o restrizione della mobilità (in Germania la chiusura di ristoranti e tempo libero in generale, in Francia il confinamento totale, in Spagna il coprifuoco e le chiusure perimetrali , eccetera).

Così, l’Ibex 35 scende del -0,97% e ha già accumulato 4 giorni consecutivi in ​​rosso con un saldo del -6,98% e potrebbe segnare la settimana peggiore dallo scorso marzo. Spiccano le cadute di Telefónica. dopo aver segnalato che i suoi profitti si sono dimezzati a causa del problema del coronavirus, del futuro delle valute latine e degli accantonamenti effettuati. Alla fine era -5,22% ed è praticamente al minimo di quasi 20 anni fa. Naturgy ha perso il -3,11% a causa dei suoi risultati e Red Eléctrica ha perso il -3,02%. Nel mercato in generale si evidenziano gli aumenti di Solaria + 4,38%, Urbas + 11,88% e Mediaset España + 8,07%.

Nel resto dei mercati europei abbiamo il Dax tedesco che dopo essere sceso del -8,5% negli ultimi 3 giorni oggi riesce a salire del + 0,32%. Il Cac francese ha ceduto -0,03%, il FTSE britannico -0,02% e il Mib italiano -0,14%.

Tutti aspettano la Banca centrale europea e le sue misure di stimolo, ma come previsto dovremo aspettare l’incontro di dicembre. Perché? Ebbene, perché si conosceranno i risultati delle elezioni negli Stati Uniti e le previsioni macroeconomiche per la zona euro senza dimenticare l’esito della Brexit. Ed è che conoscendo queste tre variabili si avrà una migliore lettura dello scenario e si potranno meglio determinare le misure da adottare e attuare.

A Wall Street furono imposti gli acquisti. Il Dow Jones sale del + 0,52% a 26.659 punti; lo S&P + 1,19% a 3.310 e il Nasdaq 100 + 1,87% a 11.350 punti. Gli investitori hanno ricevuto la buona notizia che le richieste di sussidio di disoccupazione sono scese a 751.000, meglio del previsto.

Highlights di Moderna con + 8,43%, Apple + 3,71%, Facebook + 4,92%, Twitter + 8%, Alphabet + 4,06%, Amazon + 1,52%

Ci sono 3 mercati in calo e due di loro sono investitori sorprendenti. Vediamo perché in ogni caso:

– Oro: la caduta del metallo giallo, bene rifugio per eccellenza, ha lasciato perplessi molti investitori. Ed è che dal picco raggiunto durante l’estate, è sceso del -10%, per di più, il mese scorso ha subito il taglio più grande in 4 anni, scendendo del -4% e finora ad ottobre c’è un – 1,6%. Rimane al di sotto di $ 1.900 per il secondo giorno consecutivo ma accumula una redditività del + 25% nell’anno.

E perché cade? Bene, perché diverse banche centrali vendono oro, cosa che non accade da 10 anni, e vendono fondamentalmente per fare contanti e stabilizzare le loro valute di fronte all’impatto e alle ripercussioni del coronavirus. Parliamo di vendite di poco più di dodici tonnellate nel 3 ° trimestre (un anno fa gli acquisti erano 142 tonnellate). E chi c’è dietro? Principalmente Turchia, Uzbekistan e Russia (che non vendeva oro dal 2007).

– Euro: le parole di Lagarde non hanno aiutato molto la moneta comunitaria, che oggi scende dello 0,75% e perde l’area di 1,17 dollari, fatto che la colloca ai minimi di un mese. È il quarto giorno consecutivo di ribassi ma nell’anno sale ancora + 4% sul dollaro.

E non dimentichiamo che gli hedge fund stanno tagliando le scommesse rialziste sull’euro al ritmo più veloce degli ultimi otto mesi, poiché i focolai di Covid 19 pesano sulle aspettative di crescita nella regione. Hanno ridotto le posizioni lunghe di 20.870 contratti nelle due settimane terminate il 13 ottobre.

– Petrolio: scende ai livelli di giugno poiché le misure restrittive sulla mobilità fanno diminuire sostanzialmente le aspettative della domanda. Così, il barile di Brent scende ancora del -5% e gli investitori temono un altro squilibrio tra domanda e offerta dopo i dati delle scorte settimanali di greggio negli Stati Uniti che sono aumentati di 4,6 milioni di barili, cioè 4 volte. più del previsto.

Gli investitori acquistano di nuovo il debito e il rendimento dell’obbligazione spagnola a 10 anni scende dello 0,14% con il premio di rischio inferiore a 80 punti.

Infine, diciamo che la Banca del Giappone ha mantenuto i tassi di interesse e abbassato le sue previsioni per il prodotto interno lordo e l’inflazione.

Ieri ti ho commentato, valutando la sessione di martedì, alcune questioni importanti da tenere in considerazione in Ibex, Eurostoxx e Dax. Bene, fai attenzione….

* Eurostoxx: ti ho detto che la perdita di 3131 punti ha soddisfatto il primo requisito di chiudere una sessione di seguito e che ha soddisfatto il secondo requisito di aprire la sessione successiva anche al di sotto di essa supporrebbe debolezza ribassista e rischio di ulteriori ribassi. Bene, è stato così, ha soddisfatto il secondo requisito aprendo a 3109 punti (sotto 3131) e attivando un segnale ribassista, che attualmente ha 146 punti.

* Dax: ti ho commentato che entrambi i requisiti si sono verificati nel mercato tedesco, ha perso l’area di 12313 punti, ha chiuso la sessione di seguito e ha aperto la sessione successiva di seguito, confermando che la rottura in area non è stata una bufala. E così è, entrambi i requisiti convergono a 12206 punti e lì indicano la pressione al ribasso, fatto che al momento è confermato con cadute di 749 punti.

Sì, entrambi i mercati hanno perso i rispettivi supporti e finché non si riprenderanno la debolezza ribassista rimarrà latente.

Iscriviti (è gratuito) e riceverai comodamente ed en tereal me nella tua mail gli articoli che sono scritti. Clicca qui sottoscrivere

I miei servizi

Rivolto a chiunque sia interessato ai mercati finanziari, sia a chi vuole iniziare in piccolo e imparare, sia a chi investe da tempo. Tutto questo spiegato in modo semplice e divertente, con l’obiettivo che tutti lo capiscano indipendentemente dalle loro conoscenze o esperienze.

Leave a Reply