Starbucks: analisi fondamentale e tecnica

Buono. È stato molto difficile per me trovare questo filo conduttore e poiché è un’azienda che come cliente mi piace ed ha avuto una crescita di tutto rispetto nel corso della sua storia e io sono azionista da qualche settimana vorrei condividere con voi un parte dell’analisi fondamentale che ho fatto prima di acquistarlo in quanto non l’ho trovato nel forum. Vorrei chiedere il vostro aiuto e consiglio nel caso in cui ho commesso un errore in qualcosa e se ci sono dati importanti lasciate che ve lo chieda sono sicuro di averlo in una delle mie cartelle.

Nota che è un po ‘lungo e ho provato ad accorciarlo il più possibile. Grazie.

Starbucks (SBUX) è il principale produttore, distributore e rivenditore di caffè speciali al mondo, che opera in 75 paesi con oltre 25.000 negozi e prevede di aprirne 36.000 entro il 2021, la maggior parte di questi nuovi al di fuori del Nord America. Nata nel 1971 e quotata in borsa dal 1985, oggi è una delle più grandi catene di bevande / alimenti al mondo per capitalizzazione di mercato (85.000 milioni).

È dedicata all’acquisto e alla lavorazione di caffè di qualità (entro il livello di qualità che può essere dato a un prodotto come il caffè) che poi vende attraverso i negozi gestiti dall’azienda, oltre a caffè, tè e altre bevande artigianali e a ampia varietà di prodotti alimentari inclusi snack. Commercializzano anche i seguenti marchi: Teavana, Tazo, Seattle s Best Coffee, Evolution Fresh, La Boulange ed Ethos.

Da segnalare la forza dell’immagine del suo marchio, già di per sé prezioso (cercavo consiglio da un professore di pubblicità e marketing all’università che lo studiava in un programma con i suoi studenti), sia in termini di qualità (in Nord America è correlato a uno stile di vita e al tenore di vita), un buon servizio e lavoro sociale (facilitano il lavoro per i veterani dell’esercito per unirsi alla vita civile e ai loro coniugi, dice con i prossimi programmi per fare lo stesso con i rifugiati del Medio Oriente …).

Continuano ad espandersi a livello globale puntando sui mercati sviluppati dove è già un business che ha raggiunto uno stato di maturità (parole dell’azienda stessa) ed emergente come la Cina, che richiedono una maggiore supervisione, cercando di raggiungere un equilibrio tra i negozi gestiti dall’azienda e i negozi in franchising.

Negli ultimi dieci anni, Starbucks ha aumentato il suo BPA a un tasso del 17,9% all’anno.

Ha iniziato a pagare i dividendi nel 2010 e dal 2011 al 2016 il suo dpa è aumentato a un tasso del 23,3% annuo con un aumento solo dal 37% al 43%. Nel 2011 Starbucks veniva scambiato al 27% e ha aumentato il suo EPS a un tasso del 20% all’anno.

Secondo il consenso di vari analisti, si prevede che continui a crescere intorno al 18,7% di BPA per almeno 2-6 anni in più. Al momento della stesura di questo articolo, queste righe vengono scambiate a un PER di 30, anche se sono stato in grado di acquistare la scorsa settimana quando è sceso a un PER di 28,48 circa.

Nella sua pagina elenca quattro segmenti di mercato di cui fornisce informazioni, che secondo i profitti in percentuale per l’anno 2015: America (Canada, USA e Latam) (69%), Cina e Asia Pacifico (13%), EMEA ( 6%), Sviluppo del canale (chiedo aiuto agli helper perché non so a cosa si riferisca al momento) (9%) e altri segmenti (3%). I segmenti Americhe, CAP ed EMEA includono stabilimenti gestiti e in franchising.

La forza del marchio Starbucks è dimostrata e differenziata abbastanza dai suoi concorrenti per continuare a crescere indipendentemente dai loro sforzi, ma ciò potrebbe cambiare rapidamente in caso di recessione, a mio parere penso che anche se le persone continuano a consumare la stessa quantità di caffè durante le crisi una percentuale dei clienti Starbucks opterà per alternative più convenienti.

D’altra parte ha anche lavorato sui suoi servizi digitali per cercare di evitare la futura concorrenza con le imprese online che non lavorano con le strutture per strada.

Nel giugno 2016, Starbucks e Anheuser-Busch hanno annunciato l’intenzione di lavorare insieme per produrre, imbottigliare, distribuire e commercializzare i tè ghiacciati Teavana Craft negli Stati Uniti. In questo modo trasformerebbero la loro attività di tè pronto da bere in bottiglia da 4 miliardi di dollari in un’attività più esclusiva e in crescita di “tè pronto da bere premium”, sfruttando la rete di grossisti che Anheuser-Busch Produzione, distribuzione e imbottigliamento) è presente nel paese da molto tempo.

Di seguito vi lascio con una tabella con tutti i dividendi pagati fino ad oggi che è disponibile sul loro sito web.
Dividendi trimestrali in contanti

26/01/2017 2017.09.02 24/02/2017 $ 0,25
2016.03.11 17/11/2016 2016.02.12 $ 0,25
21/07/2016 2016.04.08 19/08/2016 $ 0,20
21/04/2016 2016.05.05 20/05/2016 $ 0,20
21/01/2016 2016.04.02 19/02/2016 $ 0,20
29/10/2015 2015.12.11 27/11/2015 $ 0,20
23/07/2015 2015.06.08 21/08/2015 $ 0,16
23/04/2015 2015.07.05 22/05/2015 $ 0,16
22/01/2015 2015.05.02 20/02/2015 $ 0,16
30/10/2014 13/11/2014 28/11/2014 $ 0,16
24/07/2014 2014.07.08 22/08/2014 $ 0,13
24/04/2014 2014.08.05 23/05/2014 $ 0,13
23/01/2014 2014.06.02 21/02/2014 $ 0,13
30/10/2013 14/11/2013 29/11/2013 $ 0,13
25/07/2013 2013.08.08 23/08/2013 $ 0105
25/04/2013 2013.09.05 24/05/2013 $ 0105
24/01/2013 2013.07.02 22/02/2013 $ 0105
11/01/2012 15/11/2012 30/11/2012 $ 0105
26/07/2012 08/08/2012 24/08/2012 $ 0,085
26/04/2012 05/09/2012 25/05/2012 $ 0,085
26/01/2012 02/08/2012 24/02/2012 $ 0,085
11/03/2011 17/11/2011 12/02/2011 $ 0,085
28/07/2011 08/10/2011 26/08/2011 $ 0,065
27/04/2011 11/05/2011 27/05/2011 $ 0,065
26/01/2011 02/09/2011 25/02/2011 $ 0,065
11/04/2010 18/11/2010 12/03/2010 $ 0,065
21/07/2010 08/04/2010 20/08/2010 $ 0,065
24/03/2010 04/07/2010 23/04/2010 $ 0,05

Nota: tutti i dividendi qui elencati vengono adeguati alla divisione annunciata il 18/3/15

L’azienda ha realizzato sei scissioni 2 per 1: nel 1993, 1995, 1999, 2001, 2005, 2015.

Ora vorrei chiederti la tua opinione:

Pensi che Starbucks abbia un vero vantaggio a lungo termine rispetto al rispetto del tuo marchio?

Quanti anni pensi che possano volerci per continuare a crescere ad un ritmo elevato prima di diventare un’azienda matura con un PER molto più simile a quello di altre aziende americane (KO, 3M, PG …)?

Cosa trovi interessante dell’acquisto?

Leave a Reply