Rapporti di mercato con Presidenti Democratici o Repubblicani

Ci avviciniamo al mese di novembre. Il 3 si terranno le 59th elezioni presidenziali negli Stati Uniti. Vediamo il rapporto dei mercati con questo evento, e come si comporta di solito a seconda che ci sia un presidente democratico o repubblicano.

SaxoBank ha realizzato un report in cui studia un arco temporale abbastanza lungo, dal 1930 al 2015. Ha concluso che l’indice S&P500 sale del +11% nel primo anno con un presidente Democratico, ma se si tratta di un presidente repubblicano scende -1%. Nel secondo anno la differenza si riduce notevolmente e nell’ultimo anno, il quarto, con un presidente democratico sale del +10% e con un presidente repubblicano sale del +1%.

Questo ci porta allo schema del ciclo presidenziale i cui dati storici risalgono né più né meno all’anno 1900. Fornisce due dati interessanti:

  • Dopo le elezioni, il mese di novembre solitamente sale + 3,75% in media se il partito che vince è quello che era già al governo.
  • Se vince il partito che era al governo e sono i Democratici, l’anno successivo la borsa sale in media +16%.
  • Durante il primo anno di elezione di un presidente, il rendimento medio dell’S&P tra il 1936 e il 2007 è stato di +5,6%, nel secondo anno +9,75%, nel terzo anno +20,3% e nel quarto anno +12,9%.

L’andamento stagionale del ciclo presidenziale si basa sul fatto che la prima metà del governo, i primi due anni del mandato presidenziale, sono i peggiori per la Borsa, poiché è quando vengono attuate le misure più dure, essendo irrilevante che è un governo repubblicano o democratico. Gli ultimi due anni di comando, il terzo e il quarto, invece, sono il periodo migliore per la Borsa perché è quando si adottano i provvedimenti più popolari perché si avvicinano le elezioni e si vuole guadagnare popolarità.

Un modello stagionale non è un dogma di fede, non è infallibile. Prova ne è che, ad esempio, con Obama gli anni migliori sono stati i primi due, con Trump il primo anno è stato più redditizio del secondo, con Georges Bush, nel 2008, anno elettorale, l’S&P è sceso del -37% (Ma ovviamente è stato a causa della crisi economica globale del 2008).

Schroders ha anche condotto uno studio dal 1936 al 2007. La sua conclusione è stata che l’S & P500 si comporta meglio sotto un presidente democratico. Commenta anche che i settori che sostanzialmente risultano vincenti con una presidenza democratica sono la biotecnologia, l’industria e la salute. Dal canto loro, quelli che guadagnano dai repubblicani sono le farmacie e le compagnie aeree.

Qui puoi vedere l’evoluzione dell’S&P500 con i vari Presidenti degli Stati Uniti.

Immagine

Iscriviti al blog (è gratuito) e ricevi comodamente nella tua posta i post che vengono caricati sul blog. Inserisci la tua email qui sotto e il gioco è fatto.

Prisma del mercato azionario

per Ismael de la Cruz

Ti piacerebbe dominare il mondo del trading e degli investimenti?

Con Prisma Bursáitl puoi farlo. Iscriviti per € 20 10 € al mese e accedi a: corsi, formazione, idee operative, analisi di mercato e master class di notizie finanziarie.

Abbonati a 10€/mese

Perché dovrei abbonarmi?

Leave a Reply