Quando fare il passaggio da freelance ad azienda?

Quando scommetti sulla creazione della tua attività, la cosa normale è registrarti come libero professionista. Questa scelta fiscale ha molti vantaggi, ma anche troppi inconvenienti. Arriva quindi un momento in cui essere autonomi significa affrontare numerosi problemi, con procedure incredibilmente lunghe e, soprattutto, un sistema fiscale senza fine.

(Questo articolo NON è stato scritto da me, è una collaborazione esterna)

Se anche tu hai sperimentato questa frustrazione, forse è il momento di farlo considerare di diventare un’azienda, sia come società a responsabilità limitata che come società per azioni. Ma se non sai in cosa consiste questa traiettoria, qui te lo diremo.

Differenze di base tra liberi professionisti e aziende

Anche se pensi che sia un cambiamento profondo per la tua attività, il passaggio da libero professionista a azienda avrà effetti sulla tassazione o sulla responsabilità, ma il tuo modo di lavorare rimarrà lo stesso o ancora più facile da eseguire.

1. Tasse

Come sapete, i lavoratori autonomi presentano l’imposta sul reddito delle persone fisiche, un’imposta progressiva che aumenta man mano che il reddito sale alle stelle. Da parte loro, le aziende hanno il imposta sulle società (SI) che, sebbene supponga una tassa del 25%, è un’aliquota fissa. Questo rende la costituzione di una società preferibile in molte occasioni, soprattutto in caso di reddito elevato.

2. Gestione e servizi complementari delle banche

Mentre le procedure a cui è obbligato un lavoratore autonomo possono essere calcolate e presentate da lui stesso (imposta sul reddito delle persone fisiche, IVA o tassa di lavoro autonomo), le aziende richiedono aiuto esterno per molteplici attività, dalla costituzione stessa dell’impresa alla presentazione dei conti nel Registro Mercantile.

Ma, sebbene questo aiuto esterno possa causare il panico a prima vista, la verità è che molte entità hanno facilitato i loro servizi e procedure nel corso degli anni. Ad esempio, Qonto ti consente di delegare le procedure di creazione aziendale in modo da dimenticare questo complicato passaggio intermedio. Inoltre, se preferisci rimanere autonomo, puoi scegliere di creare un account orientato al 100% a PMI e liberi professionisti, grazie al quale controllerai tutte le tue spese.

3. Capitale per la costituzione

A differenza della registrazione come lavoratore autonomo, la costituzione di una società coinvolge alcuni spese per la sua costituzione. Nel caso di una società per azioni, è richiesto un capitale iniziale di € 3.000. Le società per azioni, da parte loro, sono un po ‘più costose, poiché è obbligatorio avere un importo di 60.000 euro. Tuttavia, ciascuna di queste forme commerciali presenta diversi vantaggi.

4. Responsabilità legale

Per responsabilità legale si intende il risposta del lavoratore autonomo o del datore di lavoro a determinate perdite o debiti. Una volta compreso questo concetto, è importante tenere a mente che la responsabilità legale è uno dei motivi principali per cui molti liberi professionisti decidono di costituire una società.

Così, mentre un lavoratore autonomo risponde in modo illimitato a determinati problemi fiscali, cioè con i suoi beni personali, in una società per azioni le perdite sono assunte con il capitale della società stessa, senza entrare nella situazione personale dei suoi componenti.

Come puoi vedere, ciascuna di queste forme legali presenta vantaggi e svantaggi. Tuttavia, se stai pensando di trasferirti in un’azienda, niente panico. Come abbiamo commentato, attualmente numerosi enti hanno unificato i passaggi e svolgono tutti i passaggi per facilitare il lavoro degli imprenditori.

Potresti anche essere interessato

Le due schede seguenti modificano il contenuto di seguito.

Scrittore, formatore e imprenditore. Di cui parlo libertà finanziaria, reddito passivo, prodotti informativi, crescita personale, talento e conoscenza. Mi piacerebbe aiutarti ad arrivare a quel posto dove sei veramente te stesso e puoi generare ricchezza. Il mio motto: siamo creatori, siamo liberi. Anche: libertà personale + libertà finanziaria = libertà totale. (Se non vuoi perderti nulla, ti invito a entrare a far parte della community qui).

Leave a Reply