Pelle nel gioco – Forum investireoggi.info

Torno al carico con questo argomento, che è uno dei miei “furori”.

Ci sono società in cui pochi azionisti controllano gran parte delle sue azioni. Quando ciò accade, è normale che queste persone siano i fondatori o gli eredi dei fondatori dell’azienda. Un quarto delle società europee quotate ha un azionista di maggioranza. Secondo un’analisi del Credit Suisse (vedi), nel periodo dal 2006 al 2015 la redditività delle imprese familiari è stata del 4,5% superiore alla media di mercato.
Clicca sull'immagine per vedere una versione
A questo punto è importante evidenziare la differenza tra la gestione dell’azienda e la proprietà della stessa. La direzione risponde alla domanda “chi gestisce l’azienda?”, Mentre la proprietà risponde alla domanda “chi possiede le azioni della società?”.

Come puoi vedere, qualsiasi investitore può possedere un’azienda (o almeno una piccola parte di essa), semplicemente diventandone azionista. D’altra parte, le persone che vengono scelte per prendere le decisioni gestionali in azienda danno la risposta a chi la gestisce.

Ci sono momenti in cui il ruolo di manager e proprietario coincidono, e in questo caso si chiamano imprenditori. Come puoi vedere, le aziende che hanno azionisti di riferimento possono anche essere selezionate come manager, nel qual caso possono essere chiamate imprenditori. più dettagli

Clicca sull'immagine per vedere una versione
Le società gestite dai suoi principali azionisti sono particolarmente adatte per investimenti da parte di investitori individuali che hanno una visione di investimento a lungo termine. Il motivo è l’allineamento che avviene nell’interesse degli imprenditori (maggiori azionisti + dirigenti) e degli azionisti di minoranza, per quanto riguarda la cura del business dell’azienda nel lungo periodo.

Si segnala, tuttavia, che un peggioramento della qualità della gestione è stato rilevato in quanto generazioni familiari assumono il comando della stessa, come si vede nella figura seguente, fonte.

Clicca sull'immagine per vedere una versione

Un vantaggio finale delle imprese familiari è che tendono ad avere una maggiore avversione al debito rispetto a quelle gestite da dirigenti esterni. In effetti, una maggiore leva finanziaria può produrre rendimenti migliori a breve termine. Ma a volte questo viene fatto a scapito di rendimenti peggiori a lungo termine.

Leave a Reply