Novartis: analisi fondamentale e tecnica

Buon pomeriggio,

Volevo aggiornare il filo di questa prigione che abbiamo completamente abbandonato. Immagino sia perché l’azienda è svizzera, ma come Nestlé la sua qualità le consente di avere un posto nel portafoglio.

Il motivo per la revisione è che la scorsa settimana gli OCU mi hanno sorpreso cambiando ADVISOR per continuare a fare acquisti. E non ce l’avevo per un’azienda economica a quei prezzi. Per i fondamenti ho fatto affidamento sulla relazione annuale 2018 che può essere trovata sul sito web dell’azienda.

Spero che Snowball non mi dia fastidio perché mi sono preso la libertà di calcolare gli stessi rapporti per Novartis che condivideva nel suo thread dell’industria farmaceutica. Potete trovare qui. Il motivo per farlo è poter confrontare Novartis più facilmente con il resto del settore, spero di averli calcolati bene. Se Snowball non è d’accordo o può creare confusione, lo rimuovo e il gioco è fatto.

Nella parte di qualità dell’azienda possiamo vedere che è tra le migliori del settore. Tuttavia con i risultati del 2018 non sembra essere esattamente economico. Non conosco il settore quindi posso dire poco, ma alcuni degli argomenti di Ocu per vedere buone opportunità di acquisto sono:
– 4 nuovi farmaci in strada quest’anno.
– Buon portafoglio di prodotti in via di sviluppo a lungo termine con 26 potenziali prodotti di punta
– ristrutturazione della sua divisione generici per risparmiare sui costi.
– revisione al rialzo delle previsioni aziendali
– possibile futuro spin off della divisione generici Sandoz, come appena fatto con Alcon (oftalmologia)

Dal lato dei dividendi vediamo che questa azienda è a prova di bomba, mantenendo aumenti anche durante la grande crisi. Negli ultimi anni sono stati abbastanza prudenti e l’hanno alzata in media solo del 3%, il payout è prudente.
Inoltre non ha molta dipendenza da un solo prodotto come accade ad Abbvie o Sanofi, quindi da questa parte possiamo anche stare tranquilli.

L’azienda può essere acquistata a Zurigo, New York, Londra, Milano e Francoforte. Il problema è che nelle borse europee non svizzere muove piccoli volumi.

Dal punto di vista tecnico nel mensile vediamo una fortissima tendenza al rialzo dalla metà dello scorso anno che ha subito un rallentamento con un avvolgimento attorno al minimo a 88 franchi. Da qui è sceso fino alla tendenza al rialzo a 77 franchi dove è rimbalzato. Il 77 è un’area importante in quanto ha sostenuto in più occasioni ed è addirittura la fine di un insolito gap rialzista nel mensile 2014.

Nel settimanale vediamo più chiaramente i tempi in cui i 77 franchi hanno resistito. Durante i giorni di paura di questo Natale al mercatino l’ha mandato alla MM200 (linea verde) a 74 CHF dove ha fatto terreno, quindi non sembra che qui potrà comprare più basso se non per sorprese. Per i 74 CHF capita anche di capitare l’MM1000 del grafico giornaliero.

Il tecnico non è molto chiaro in questo momento e invita ad aspettare.
La domanda è se è davvero pronto per l’acquisto o meno. Solo con i numeri freddi non sembra proprio così, ma forse chiunque conosca il settore può trovare alcune idee e aiutare a capire i consigli di acquisto di Ocu.

Ciao

Leave a Reply