Lingotti speciali: analisi fondamentale e tecnica (PR LP = 0,5% -1%)

Bene di.

Ieri ha segnato il 50 ° anniversario dalla data di costituzione della LGT. Molto tempo per questa piccola azienda con sede a Valladolid, dedita alla fornitura di attrezzature per il settore automobilistico, con impianti di lavorazione e colata, ognuno dei quali dispone di più linee operative indipendenti. Il suo anno migliore, in termini finanziari, è stato il 2016, con una leggera flessione nel 2017 a causa dell’elevato sforzo di investimento fatto in miglioramenti tecnici, espansione del portafoglio di nuove parti sia del telaio che del motore. È molto probabile che questo 2018 sarà un record in tutte le cifre rilevanti: reddito, utile operativo e netto, dividendi, ecc.

Nella stessa settimana ha presentato i risultati di fine primo semestre dell’anno, che si sintetizzano (rispetto al primo semestre 2017) in una crescita delle vendite del 18,41%, del 23% del margine operativo lordo, del 29, del 60% dell’utile operativo netto e del 30,96 % dell’utile netto. Evidenzia questi aspetti:

.- L’azienda si sta evolvendo bene nel fatto che la proporzione di lavorazioni rispetto alla colata è in aumento, con la prima che ha un maggior valore aggiunto e quindi maggiori margini.

.- A poco a poco stiamo assistendo ai risultati degli sforzi di investimento degli ultimi anni, in cui sono state assegnate notevoli risorse alle attrezzature industriali. L’azienda è riuscita nel 2018 a sviluppare un disco freno per una versione sportiva di nuova generazione di un importante produttore. Essere responsabile sia della progettazione che dei test di convalida. Hanno anche implementato una famiglia di parti del motore, con elevate esigenze di dimensioni e materiale. Questo tipo di omologazione di prodotti e contratti pluriennali con aziende leader del settore, garantiscono specializzazione e diversificazione dei prodotti, base per mantenere interessanti vantaggi di concorrenza.

.- Con una crescita così forte nelle cifre presentate, fave che barruntaba 1 fanno esplodere il prezzo delle loro azioni, che però non si sono mosse di molto. È importante analizzare le figure in dettaglio e in profondità. Così facendo si è riscontrato che i numeri sono stati buoni ma non così straordinari perché la base su cui è stato confrontato era abbastanza mediocre. Vi presento questa scatola:

…… (mns €) …… 1T2016 …… 1T2017 …… 1T2018 …… 2T2016 …… 2T2017 ….. 2Q2018

Vendite ………. 22.320 …… 27.716 …… 31.147 ……. 27.308 ….. 26.358 …… 32.881
Ebitda ………. 4.492 ……… 4.828 ……… 5.246 …… .. 5.517 …… … 3.675 …… .. 5.213
Sì ………… … 3.410 …… .. 3.430 …… … 3.804 …. …. 4.381 ….. …. 2.366. ……. 3.726

Si può vedere che l’evoluzione delle vendite è stata ottima, ma non tanto l’utile di gestione anche prima delle imposte, perché i dati del secondo trimestre 2017 erano molto poveri e distorcono il confronto. Questo LGT del 2Q2018 ha guadagnato meno ebitda e meno bai rispetto al 1Q2018. Anche le due cifre sono inferiori rispetto al 2Q2016. Anticipa che qualcosa di simile è accaduto nel 3Q2018 perché anche il 3Q2017 è stato francamente negativo (in termini statistici).

.- L’azienda mantiene una buona struttura finanziaria, finanziando con Equity il 46,2% del totale attivo. L’indebitamento finanziario netto aumenta leggermente per l’effetto dell’esborso dei dividendi (spiegandolo quando mi riferisco ai flussi di cassa).

.- Come ho detto l’evoluzione delle vendite è interessante. Ma il margine lordo della stessa scende dal 59,14% (1s2017) al 55,55% (1s2018) a causa della crescita dei costi di fornitura, che è normale in alcuni in cui l’azienda introduce test e modifiche nello sviluppo del prodotto (ci sono corse che devono essere rifiutati per avere una percentuale inaccettabile di anomalie, aggiustamenti nelle linee di produzione, maggiore spesa per materie prime, ecc.). Tuttavia, le spese generali operative, il personale, ecc. Rimangono piuttosto bassi ei finanzieri rimangono minimi.

.- L’azienda applica un deprezzamento dell’11% delle immobilizzazioni ammortizzabili, il che significa una valutazione molto prudente delle immobilizzazioni. Non ha mai alcun avviamento nel proprio bilancio.

.- Non indicano nulla di specifico sulla loro impresa commerciale indiana di Renta-Cast, che sembra andare a un ritmo più lento del previsto, quindi le aspettative di questo business potrebbero diminuire. Non è qualcosa che mi preoccupa – in linea di principio – perché il tuo investimento è accantonato. Ricordo che LGT ha un’alleanza commerciale con SETCO Automotive (una società che produce frizioni per Volvo, Bharat Benz, Ashok e Tata Motors, e ha 2 stabilimenti di produzione in India, un altro negli Stati Uniti e un altro nel Regno Unito).

Renta-Cast è impegnata nello sviluppo e nella produzione di ghisa e prodotti lavorati per l’industria automobilistica e altre industrie. L’investimento LGT è PIANIFICAZIONE in 2 fasi; uno iniziale con un investimento complessivo di 18 mln €, in cui LGT ha prestato sostanzialmente la propria conoscenza industriale entrando con il 20% dell’azienda; e una seconda fase, dopo aver valutato i risultati raggiunti nella precedente, in cui LGT potrà fare con una percentuale maggiore della JV, contribuendo logicamente con più denaro.

.- L’analisi dei flussi di cassa del semestre è sintetizzata in una liquidità operativa generata per € 10.168 milioni (molto buona e ben confrontabile con l’Ebitda conseguito di 10.459); investimenti produttivi per 5,409 milioni di euro (l’azienda continua a investire a livelli molto elevati); l’esborso per dividendi per 7,037 milioni di euro e l’aumento dell’indebitamento (o riduzione di cassa) a 2,18 milioni di euro. A rigor di termini, non è raro che un’azienda distribuisca un dividendo superiore al flusso di cassa libero generato (che era di € 4,759 milioni in questo semestre), ma va notato che LGT paga un solo dividendo all’anno, ed entrambi questo effetto avrà stato compensato (negli anni precedenti capita) con la scatola che produce nella seconda metà dell’anno, in cui non paga alcun dividendo.

In allegato una recente intervista al Presidente della LGT. Consiglio di leggerlo per diversi motivi, ma soprattutto per i seguenti. Ci sono molti tipi di manager nelle aziende, alcuni sono più tecnici, altri più finanziari … Ci sono manager stellari, che di solito promettono grandi progressi in cifre e profitti a lungo termine, con ottimi piani strategici e ottima pubblicità. Rivisti anni dopo, a volte i risultati sono vicini alle promesse, altre volte in nessun modo … ma quasi sempre servivano a giustificare i milionari bonus percepito dal manager stesso e dal suo team.

E poi ci sono gli imprenditori, che sono il profilo che dobbiamo cercare quando investiamo. Persone che si sono fatte da sole, che hanno incontrato molte difficoltà nella loro carriera e che sentono di non dover nulla a nessuno. Il signor Garrido mi sembra uno di quelli. Ovviamente non c’è motivo di essere d’accordo al 100% con tutto ciò che dice. Ma per me è chiaro che è onesto, che ha una lunga esperienza (contribuisce da 61 anni consecutivi, ci sono tanti cittadini …) e che ha generato ricchezza per la società nel suo insieme. Molti potranno vederlo come un passato della moda country del 20 ° secolo (anche il 19 °), senza affetto per i social media e altri. Ma ogni volta che lo leggo mi sembra un modello di buon senso, si esprime come pensa, senza eufemismi, e con certe dosi di umorismo che trovo divertenti (“Nel La Somalia ha un’aria purissima ma purtroppo sta morendo di fame “).

A parte tutto questo, quando si parla di remunerazione, quello che ho scritto prima in questo forum ma che ora ricordo. Il consiglio di amministrazione della LGT ha diritto per statuto ad una remunerazione percentuale dell’utile netto della società, che si dimette ogni anno e che approva in assemblea un limite massimo di € 350.000 per l’intero consiglio, meno della metà di quanto sarebbe corrispondono a loro.

Nella vita – nelle aziende e anche nella nostra – è importante restare sui fatti.

Saluti ai lettori di questo forum.

https://www.elnortedecastilla.es/val…145053-nt.html

Leave a Reply