La storia del bambù giapponese e l’insegnamento che ci dà

La storia del bambù giapponese ci insegna una delle cose più importanti che possiamo imparare in questa vita.

La storia del bambù giapponese è semplicemente deliziosa. Vi invito a leggere questa bella storia che contiene una grande lezione.

“Molto, molto tempo fa, due contadini stavano attraversando un mercato quando si sono fermati alla bancarella di un venditore di semi quando hanno visto semi che non avevano mai visto prima.

Uno di loro ha chiesto: che semi sono questi?

Il mercante ha risposto: sono semi di bambù, semi molto speciali che provengono dall’estremo oriente.

Di fronte alla curiosità, il contadino non riuscì a trattenersi e chiese di nuovo: e perché questi semi sono così speciali?

Il mercante lo incoraggiò: se le prendi e le piante le scoprirai, hanno solo bisogno di fertilizzante e acqua.

Alla fine la curiosità ha prevalso ei due contadini hanno preso i semi di bambù, li hanno piantati, annaffiati e fertilizzati seguendo rigorosamente le istruzioni del mercante.

Dopo un po’ i risultati non sono stati quelli sperati, sono cresciuti a malapena e uno dei contadini si è rivolto all’altro: il mercante ci ha ingannato, questo non cresce, quindi non continuerò ad annaffiarli o fertilizzarli.

Ma l’altro contadino pensava di non avere nulla da perdere, così decise di prendere il controllo e continuare a conservare i semi.

Il tempo è passato e ancora non ha dato i suoi frutti.

Ma un bel giorno, quando il contadino stava per gettare la spugna e smettere di coltivarli, fu sorpreso di scoprire che il bambù era cresciuto fino a un’altezza di 30 metri in sole 6 settimane”.

Come puoi vedere, il bambù non cresce rapidamente per quanto venga annaffiato e fertilizzato, infatti, non viene a galla durante i primi sette anni. Questo farebbe pensare a qualsiasi coltivatore che il seme non sia fertile, ma nulla è più lontano dalla verità, dopo sette anni il Bambù inizia a crescere forte fino a raggiungere i trenta metri di altezza in sole sei settimane.

Questo perché il bambù per i primi sette anni è dedicato esclusivamente a rafforzare e sviluppare le sue radici profonde, e dopo quegli anni è quando inizia a crescere davvero. Se nei sette anni non viene accudito e coccolato, non viene annaffiato e fertilizzato tutti i giorni, non crescerà mai e il bambù finirà per morire.

La vita è come il bambù. Le cose non portano frutti dall’oggi al domani. Hanno bisogno di pazienza, perseveranza, per compiere ogni giorno piccole azioni, che domani porteranno frutti.

Quindi, se ancora non stai ottenendo ciò che desideri nonostante lo sforzo che sta prendendo, non disperare, stai sicuramente mettendo radici…

Iscriviti al blog (è gratuito) e ricevi comodamente nella tua posta i post che vengono caricati sul blog. Inserisci la tua email qui sotto e il gioco è fatto.

Prisma del mercato azionario

di Ismael de la Cruz

Ti piacerebbe dominare il mondo del trading e degli investimenti?

Con Prisma Bursáitl puoi farlo. Iscriviti per € 20 10 € al mese e accedi a: corsi, formazione, idee operative, analisi di mercato e master class di notizie finanziarie.

Abbonati a 10€/mese

Perché dovrei abbonarmi?

Leave a Reply