Il tuono della morte: TEF, SAN, BBVA

Sono proprio come te: li compro quando comincio con questo, e la verità è che, dopo aver imparato le cose, me ne pento.

La mia dualità è che Gregorio, che sa infinitamente di più di me, si fida ancora di loro, così che ne manterrà di più nel suo portafoglio all’infinito, e se alla fine rompono o recuperano la quotazione precedente e il dividendo prima di un periodo prudente, perdendo i miei soldi e la fiducia nel suo giudizio (parlo senza amarezza, e sempre molto grato a Gregorio ea tutta la sua formazione).

Il peccato è che subito dopo aver iniziato a investire (studiavo da un po ‘di tempo, ma non ho mai smesso di imparare), ho imparato molto di più sull’analisi fondamentale (e ho ancora poca idea, ovviamente).

Ti metto una delle ragioni per cui non avrei mai scelto TEF, rispetto ad AT&T, per esempio, e non mi dispiace “avere entrambi” perché ci sono così tanti pesci nel mare e con così tanti numeri migliori.

È la storia del dividendo delle due società dagli anni ’90: penso che in 30 anni abbia già dato tempo a cicli rialzisti, ribassisti, geografici, per settori, ecc., Altrimenti questa strategia non sarà valida perché lo faremo rischiare di entrare all’inizio di un ciclo ribassista di 30 o 40 anni, lanciando la moneta faccia a faccia o attraversando.

Clicca sull'immagine per vedere una versione più grande Nome: TEF.JPG Visualizzazioni: 0 Dimensione: 838 KB ID: 439.111

Ed ecco il record AT&T

Clicca sull'immagine per vedere una versione grande Nome: t.JPG Visualizzazioni: 0 Dimensione: 1062 KB ID: 439.112

Scavando nei numeri puoi vedere differenze abissali. Questa non è l’unica differenza, né è quella che può giustificare la decisione di acquistare l’uno o l’altro, ma è una delle più evidenti. Lo stesso può essere fatto con rapporti, cronologia BPA (EPS), cronologia EBITDA, ecc., Ecc. E in periodi MOLTO lunghi. Non credo che possiamo essere sicuri che nel “lungo periodo” le cose cambieranno, quando quel “lungo periodo” diventerà periodi di oltre 20 anni.
E lo stesso per SAN e BBVA, con altre banche americane e altri paesi. E a proposito, lo stesso per MAP, secondo me.

Mi piacerebbe sapere cosa ne pensano Gregori e gli altri:

Il passato non garantisce il futuro, certo, ma se mi metto davanti al computer per acquistare uno dei due, non ho il minimo dubbio. (Ho entrambi adesso)

Immaginiamo che TEF non si rompa ed è una società che si sta riprendendo, va bene, ma il costo opportunità di avere i tuoi soldi 10 anni, con una rivalutazione del -50% e un taglio dei dividendi qu? Non mi compensa.

Come ho detto, mi aggrappo al giudizio di Gregori, che è un punto molto importante a loro favore nella mia decisione, ma tutti gli altri sono contrari.

Un saluto a tutti e buoni investimenti!

Leave a Reply