Il mio Excel passo dopo passo … al servizio delle macro

Seguendo le orme di Isaac e Raftal, ho anche deciso di sfruttare gli investimenti per imparare Excel. Mi ha sempre colpito l’utilizzo di VBA (Visual Basic for Applications) sia che mi sono dedicato all’apprendimento (da autodidatta) e alla sua applicazione.

Dato che non sono né un programmatore né un informatico, spero che se qualcuno saprà fare meglio un processo lo condividerà.

Gli obiettivi di Excel sono:

Non è un Excel informativo, l’obiettivo principale è imparare a usare le macro in modo amatoriale ma efficace.
Esercitati e cerca percorsi alternativi.
Rendilo il più automatico possibile.
Rendilo visivamente accattivante.

Quest’ultimo è il più importante degli obiettivi. Sono sicuro che non sarà la mia ultima versione, ma sono sicuro che mi servirà bene.

La mia versione attuale di Office è il 2007.

Dato che faccio test di tutti i tipi da un po ‘, ho già in mente approssimativamente come distribuire le informazioni sul foglio principale.

Non inizierò con la macro più semplice e visiva, ma penso che sia migliore.

DI PARTENZA
La prima cosa da fare è cambiare il nome del foglio di lavoro, il mio foglio principale si chiamerà “portfolio”.
Quanto segue è dargli il seguente formato:

A sinistra verranno aggiornate le operazioni che vengono effettuate (in linea di massima solo acquisti ed estensioni)
A destra un riepilogo del portafoglio corrente.
La scatola della spesa è in alto a destra. Immettere una nuova acquisizione sarà facile come inserire i valori vuoti. (Finora ho inserito manualmente tutti i valori per prenderli come esempio)

LA PRIMA MACRO
Esaminiamo la prima macro … inseriamo i dati del carrello nella tabella.

Per aprire il VBA si fa con i tasti Alt + F11.
Dobbiamo crearne uno il nostro modulo, Viene creato con il bot secondario nella parte bianca del riquadro in alto a sinistra.

Il nuovo modulo è un foglio tutto bianco, su di esso metteremo le procedure.
In questo Excel utilizzare due tipi di procedure, il “Sub” e la “Funzione”. I sottotitoli ti consentono di eseguire azioni e le funzioni danno un risultato (ad esempio il risultato di un’operazione matematica o di una ricerca).
Poiché vogliamo portare sul tavolo tutto ciò che è scritto nella scatola della spesa, utilizzeremo un sub.

Una procedura è costituita da poche righe di codice.
Ogni volta che si apre una procedura viene inserita una o due parole che indicano l’inizio e una che ne indica la fine.

CREA UNA PROCEDURA SOTTO
Per aprire una procedura Sub, è facile come digitare “Sub” (senza virgolette) e inserire il nome che vogliamo, quando si dà il numero intero il VB aggiunge la frase che chiude il sub (End Sub) e un paio di parentesi.

La mia prima procedura si chiama EnterDataRegister, è che il codice rimasto è:

Sub LoginDataRegistration ()

End Sub

CREA LA PROCEDURA
Con Excel tradizionale, se vogliamo che la casella A1 contenga lo stesso di B1 … nella casella A1 scriviamo solo “= B1”
Con VB il sistema è più lungo, ma non così difficile.
Un riquadro (o un gruppo di essi) è chiamato intervallo, e ogni intervallo ha un numero di proprietà (colore, carattere, ecc … per il contenuto useremo la proprietà “valore” (valore)).
Quindi … in VB diremo:
Intervallo (“A1”). Valore = Intervallo (“B1”). Valore

Poiché c’è una casella A1 su ciascuna delle pagine di una cartella di lavoro di Excel … ho imparato che è una buona abitudine mettere il nome e il cognome nelle celle:
Fogli di lavoro (“Portfolio”). Intervallo (“A1”). Valore = Fogli di lavoro (“Portfolio”). Intervallo (“B1”). Valore

Ora non resta che abbinare le caselle sotto la tabella di sinistra con le caselle nel carrello. Quelle caselle a cui ancora non possiamo aggiungere valore verranno lasciate come commento (quando metti un apostrofo tutto alla tua destra diventa verde e il VB non lo legge quando esegui la macro, diventa da in un commento)

Il caso dei riquadri, con commenti per renderlo più chiaro è:

* NOTA: i titoli delle tabelle sono sulla riga 19 e inserisco i dati sulla riga 21. Questo non avrà più senso in seguito …

Test MACRO
Bene, ora non resta che testare la nostra prima macro. Per questo, mi piace molto farlo con i pulsanti temporanei. Solo i pulsanti possono essere inseriti se la scheda “programmatore” è abilitata sul lato della scheda “Visualizza”. Per attivarlo devi andare alle opzioni (sono nel bot sotto forma di logo di Office)

Ora vai nella scheda del programmatore, seleziona Inserisci, prendi il primo bot e crealo facendo clic e trascinando.

Durante la creazione ci chiede di assegnargli una macro, abbiamo scelto la macro creata e pronta.

Ora, quando fai clic sul bot, i dati entrano solo nella riga 21 …

Se modifichiamo i dati nel carrello e premiamo il pulsante, scriveremo questi dati su di esso … questo verrà corretto in seguito …

Beh … spero sia interessante !! e che le immagini semplificano le cose …

EDIT: dimenticato di commentare che un Excel contenente macro dovrebbe essere salvato come “Libro Excel abilitato per le macro“E che per impostazione predefinita le macro non sono abilitate quando apri un Excel, è che quando apri un file con macro, devi abilitarle dal messaggio che appare sopra le celle o in una finestra (puoi rimuovere questa opzione, ma questo va a rischio di ciascuno) .se non sono abilitati, questi non funzionano.

Leave a Reply