Hai pensato di fare testamento?

Ciao,

Questo è un problema di un avvocato, ti sto dicendo quello che ho visto, ma prendilo con le pinzette.

Quello che ho visto è che in alcuni casi non è utile (né “fastidioso”) e in altri è molto utile.

È utile quando ci sono più proprietà e non è utile se ci sono solo condivisioni e vuoi farlo in parti uguali.

Immaginate prima il caso di una coppia che ha l’abituale alloggio e condivide. E vuole dividerlo equamente. In questo caso, per quanto mi riguarda, testamento o meno, le cose cambiano poco, perché la casa è per tutti i bambini soli, e le quote si dividono in parti uguali. Questo è il caso più semplice.

Ora immagina un altro caso in cui ci sono 3 bambini, e oltre alle solite abitazioni e scorte, c’è una casa sulla spiaggia, due locali commerciali, un appezzamento di terreno e un altro alloggio in affitto. Se i 3 bambini vanno d’accordo e concordano su ciò che vendono e su ciò che tengono, ecc., Non sarà necessario alcun testamento. Ma poiché non si comportano bene, in un caso è dove si forma se non c’è volontà.

Perché tutti possederanno tutta la proprietà. Alcuni vorranno vendere e altri no. Di quelli che vogliono vendere, alcuni a un prezzo e altri a un altro. Alcuni vogliono vendere alcune cose, altre e così via. E questi sono i parenti che vedi.

Se c’è un caso e ci sono 3 lotti, come questi, i problemi sono evitati:

1) Abitazione abituale
2) Casa sulla spiaggia, 1 locale e terreno
3) 1 locale e alloggio in affitto

I 3 lotti avranno un valore simile e dovrai semplicemente “quadrare” con le azioni, la moneta bancaria e così via.

In questo modo ogni proprietà sarà solo 1 bambino, che potrà farne quello che vuole, e non ci saranno problemi tra loro.

In un caso, la volontà è molto utile.

Ciao.

Leave a Reply