Esperienze di investitori più veterani in B&H (5-10 anni di investimento)

Pubblicato originariamente da Mishka

vedi Messaggio

Ciao Socrate:
Grazie per aver commentato. Scusa se non inserisco molto bene le virgolette, ma questa è la prima volta che commento le menzioni:

Totalmente d’accordo con Mapfre. A m è un’azienda che mi piace ancora. L’ho incluso con gli altri nel senso che sembra anche molto diffamato. Per altri, i loro dividendi aumentano notevolmente il reddito nel mio portafoglio. Questo è per me creare valore.

Per quanto riguarda il risarcimento delle perdite con Iberdrola è quello che dici, ma si scopre che anche vendendo Iberdrola ho avuto grosse perdite per il mio capitale. Questa ripresa con il Tesoro è ancora una consolazione, più o meno artificiale. È positivo avere efficienza fiscale, ma penso che non renderà un investimento buono da solo. Soprattutto perché in 5 anni i vantaggi fiscali potranno tagliare di più.
La questione chiave per m è che i soldi delle vendite con perdite diventeranno un buon investimento in futuro e questo a priori nessuno può saperlo. Puoi solo avere aspettative e una fiducia più o meno ragionevole, ma mai sicurezza.
Un saluto.

In linea con quanto commentate voi e Socrate. Nel portafoglio condiviso sopra, mapfre ha restituito il 29,34% del capitale in dividendi (netto, quindi tasse), ha un rendimento assoluto del 25% e un IRR del 5,62%. Questi dati, a questi prezzi.

Ad oggi non posso dire che sia un cattivo investimento, anche se è chiaramente un valore mediocre. Per ora non lo so. Ma è un buon esempio che un valore mediocre e ben acquistato può essere un buon investimento. Da domani vedremo.

In un altro portafoglio, più vecchio di quello in cui insegna, anche se mi ha pagato molti più dividendi, lo ottengo a perdite latenti. Verranno corretti alcuni centesimi in più.

La differenza? Jo.

Ecco perché non capisco quando ogni tanto qualcuno esce parlando del sistema o delle raccomandazioni del ‘forum’. Quando comincio ad analizzare vedo di più che la strategia funziona e che quando qualcosa non mi soddisfa, scopro che il problema più grande era come funziona il sistema in passato, non il sistema o le raccomandazioni del “Mr. Forum” .

Soprattutto,
1.- Non conoscere il valore e non sapere come acquistarlo.
2.- Impazienza. Non applicare una diversificazione temporanea.

Avvicinarsi al primo coltello che cade è un’altra forma di impazienza.

Anche il sovrappeso, ma in misura minore. Almeno nel mio caso. Le mie due grosse penalità sono quelle che commento.

Grazie all’applicazione consigliata da XPG mi attengo alla grande parametrizzazione di quest’altro portafoglio. E posso solo riaffermare che i fallimenti affondano più nel mio che nel sistema. Sono ancora sbalordito da certe cose che ho fatto in passato, che ora parametrizzando uno ad uno tutti gli acquisti e le vendite mi sta aiutando a ricordare e prendere coscienza, e trovo inspiegabile che il sistema abbia saputo resistere a tali ‘sciocchezze ‘e non perdere soldi oggi.

Sorprendente. Il metodo è abbastanza sicuro e resiste a molte scopate.

E quello che condivido, che è più simile a come opero oggi, nonostante abbia guidato il trio di morte, e molto concentrato sulla Spagna, in pieno covid, questo entro la redditività attesa (tenendo conto della caduta che ha subito l’Europa e il paese ). Inoltre quest’anno più acquisti da più aziende. Quindi vedremo come va. Ma penso che tutti debbano guardare più all’interno e meno all’esterno quando si tratta di incolpare. Almeno a me succede.

Leave a Reply