Corruzione della terra; il problema principale degli alloggi | immobiliare

È completamente falso che in Spagna ci sia una mancanza di terreno da costruire e che quindi gli appartamenti devono essere costosi. Userò Ibiza come esempio, poiché è una delle isole più piccole della Spagna e quindi uno dei luoghi in cui dovrebbe mancare più terra, ma il sistema funziona allo stesso modo ovunque in Spagna; da Girona a Ferrol e dalle Isole Canarie a San Sebastián. La spiaggia di Bossa è una delle zone più ambite di Ibiza. Questa è una foto aerea della zona.

Si può vedere chiaramente che c’è più terreno non edificato che costruito. Il terreno non edificato non viene utilizzato in alcun modo (parchi, centri sportivi, ecc.). Sono semplici campi aperti. È chiaro che i proprietari di questi lotti sanno che se costruissero case (o centri commerciali, o qualunque cosa volessero dato che il lotto è loro) potrebbero realizzare un buon profitto, poiché le case che sono già costruite su lotti adiacenti vengono vendute per prezzi molto alti. Perché non lo fanno? Perché finché i corrispondenti consiglieri e funzionari del consiglio comunale di Ibiza non danno loro il permesso, non possono farlo. E non esiste una legge oggettiva che specifichi in quali casi devono dare il permesso e in quali casi non lo fanno, né quanto tempo hanno per prendere quella decisione. Ciò significa che se ne hanno voglia concedono il permesso e se non ne hanno voglia non lo concedono e possono ritardare la decisione indefinitamente, anche per decenni. E il “motivo” che di solito li spinge a concedere il permesso è la tangente dello sviluppatore del lotto. Ovviamente, l’imprenditore anticipa i soldi della tangente ai consiglieri e ai funzionari della città e poi li addebita all’acquirente finale dell’appartamento (anche se di solito non lo scompone nel contratto di vendita, è chiaro). A questo si deve aggiungere il fatto che i permessi vengono solitamente concessi in base al ritmo di vendita degli appartamenti già finiti, in modo che non vi sia una reale concorrenza tra i costruttori e quindi si eviti la caduta dei prezzi degli appartamenti (e tangenti). il mercato fondiario in Spagna (e nella maggior parte dei paesi) non risponde alle leggi della domanda e dell’offerta (come i mercati di mele, magliette, automobili, computer, pantofole, ecc.) ma a livello di corruzione e il decisioni totalmente arbitrarie di un piccolo gruppo di persone decide dove può essere costruito e dove no.

La terra in Spagna ha attualmente un prezzo molto alto, ma la terra non è una merce scarsa. In Spagna c’è troppa terra ovunque, ciò che manca è un terreno su cui è permesso costruire (in cambio della corrispondente tangente). Si stima che la terra attualmente rappresenti circa la metà del prezzo di base, quindi il vera liberalizzazione di terra comporterebbe a cambiamento radicale a la valutazione del immobiliare di ciò che si sa finora.

Nell’operazione Malesia, il patrimonio della famosa Roca è stato valutato a 2,4 miliardi di euro (400 miliardi di pesetas). Questo denaro è stato pagato dagli sviluppatori, ma è uscito davvero, inconsapevolmente, dalle tasche di tutte le persone che hanno acquistato appartamenti, locali e ville a Marbella in questi anni. Il che significa che nonostante l’immagine di solidità che ha l’investimento immobiliare, una parte molto importante a partire dal’ prezzo che è pagato da immobiliare non è supportato da qualcosa di tangibile e reale come il lotto o la costruzione stessa, ma è fumo (Tangenti) che ogni giorno può andare via per sempre.

Nella foto si vede che gli edifici sono concentrati al centro della spiaggia, essendo circondati a destra ea sinistra da lotti vuoti. Perché può essere costruito proprio al centro e non su entrambi i lati? Che senso ha? Gli appezzamenti circostanti non sono foreste o fiumi, sono esattamente gli stessi degli appezzamenti che vengono costruiti. Se in una delle isole più piccole e quotate della Spagna c’è troppa terra ovunque, quanta terra rimarrà nella penisola iberica, una delle aree meno densamente popolate d’Europa?

Se la terra fosse liberalizzata ei proprietari di questi lotti potevano costruirli liberamente il prezzo degli immobili diminuirebbe, Perché all’aumentare dell’offerta di appartamenti il ​​prezzo tende a scendere. Sarebbe anche stato eliminato uno dei costi più importanti nella costruzione di un appartamento (la tangente) E gli sviluppatori potrebbero ottenere la stessa redditività, o anche superiore, nonostante la vendita dell’appartamento a un prezzo inferiore. Un altro vantaggio è che i progetti immobiliari potrebbero essere sviluppati in molto tempo perché non dovrebbero essere diversi anni morti di risate in un cassetto in attesa delle approvazioni corrispondenti, e questo aumenterebbe la ricchezza di tutti coloro che si occupano di costruzione (dal committente al muratore) aumentando la velocità di circolazione del denaro.

penso che la bolla immobiliare non è iniziato alla fine degli anni ’90, ma il giorno in cui qualcuno ha inventato una delle più grandi truffe dell’umanità; il riqualificazioni urbane. Non che il sistema delle riqualificazioni favoriscono la corruzione, è così progettato specificamente per arricchirsi attraverso la corruzione.

Qualche decennio fa era molto difficile acquistare un’auto in Spagna per diversi motivi (SEAT era un’azienda di proprietà statale con una produzione molto inefficiente che non soddisfaceva la domanda, per importare un’auto dall’estero bisognava richiedere un permesso che ha richiesto molto tempo per essere concesso, ecc.). Come risultato di tutto ciò il prezzo delle auto (tenendo conto dell’inflazione) era molto più alto di oggi, c’erano persone che rinunciavano a possedere un’auto per problemi burocratici, le possibilità di scelta erano ridicole rispetto a quelle attuali, ecc. . C’erano anche persone che chiedevano l’acquisto di un’auto e quando, nel tempo, si avvicinava la data in cui stavano per ottenere l’auto richiesta, rivendicavano questo diritto ad un prezzo superiore a uno. Un’altra persona che aveva fretta di prendi una macchina e guadagna in cambio (legittimo, ovviamente). Questa situazione è impensabile al giorno d’oggi … se pensiamo alle auto, ma è molto simile all’acquisto di un appartamento su una mappa e alla rivendita al termine della costruzione dello stesso. Quella situazione era “normale” finché tutte quelle restrizioni non sono scomparse, e con ciò il prezzo delle auto (tenendo conto dell’inflazione) è sceso molto. L’attuale mercato immobiliare è molto simile a quello automobilistico che oggi sembra più un brutto sogno che una situazione reale che molte delle persone che incontriamo ogni giorno per strada hanno vissuto.

attualmente il prezzo del immobiliare suppone a fre per il economia simile o addirittura peggio (Per corruzione, mancanza di trasparenza, ecc.) Che il le tasse. Ed è per questo che penso che la liberalizzazione della terra significherebbe che tutti potremmo avere case migliori, a prezzi migliori e in molto meno tempo di oggi.


Controlla qui quali società hanno investitori nei loro portafogli nelle statistiche di investireoggi.info

Nota: Ricorda che puoi porre tutte le domande che hai sul contenuto di questo articolo nei commenti qui sotto e io risponderò il prima possibile. Puoi anche vedere le domande già risolte sollevate da altri utenti. E per qualsiasi domanda su altri argomenti puoi utilizzare il Forum sugli investimenti e avrai anche una risposta il prima possibile.

Nota: Ricorda che puoi porre tutte le domande che hai sul contenuto di questo articolo nei commenti qui sotto e io risponderò il prima possibile. Puoi anche vedere le domande già risolte sollevate da altri utenti. E per qualsiasi domanda su altri argomenti puoi utilizzare il Forum sugli investimenti e avrai anche una risposta il prima possibile.

Leave a Reply