Coronavirus, stipendi pubblici e stipendi privati

Immagino, infatti, di non poter fare a meno di vederti come l’anticristo, sì, hehehe. Ma nello staff mi trovo bene, eh? Come dicono i cattivi nei film americani, “non è una cosa personale, sono affari” perché quello, hehe

Vediamo se posso contribuire con qualcosa evitando di contribuire a più posizioni. Diverse note dopo aver letto il thread.

– Penso che tu stia mescolando il personale e l’ideologico con il descrittivo.
– Più o meno coincide che la posizione di ciascuno, corrisponda alla sua situazione personale / lavorativa.
– Se lascio il caso spagnolo, e lo guardo genericamente, le strutture di potere funzionano allo stesso modo: ciò che comanda è sostenuto dalla lealtà dei gruppi di potere.
– Nel Medioevo, il re riteneva che il nobile, che aveva i “militari” del tempo, gli fosse fedele.
– In Venezuela, è stato mantenuto grazie al sostegno popolare, e ora che non ce l’ha, perché ha ancora l’appoggio militare.
– È sempre così: rimani al potere se conti sulla lealtà di gruppi organizzati con potere.
– Quindi, l’unica cosa da guardare è chi sono i gruppi di potere e qual è il modo per ottenerlo.
– Qui si ottiene con i voti. E la maggioranza e i gruppi organizzati sono quelli che danno più voti.
– Una PMI autonoma e / o una PMI, è uno dei gruppi maggioritari (non il più grande) ma disorganizzato.
– La funzione pubblica e le pensioni sono gruppi maggioritari con interessi di gruppo più omogenei.
– Se qualcuno ha dei dubbi su chi è in carica, vai ai bilanci e guarda dove sono stanziati i soldi.

Quello che deve essere molto chiaro è che se manca, mancherà a tutti. Ma manca sempre di più (e primo) per chi comanda di meno. E questa regola si applica ai casi che stai esponendo.
– Manca un funzionario il cui stipendio è stato congelato. Ma non mi sembra paragonabile il dao subito, perdere la tua azienda, o il tuo lavoro e passare anni senza recuperarlo.
– Ormai è molto chiaro che il primo per chi manca è per chi comanda di meno (mini-datori di lavoro e poi per lavoratori privati). Ma non dubitare che se la situazione è avvelenata, alla fine manca per tutti. Il dipendente perde parte della sua paga, ma è dopo che il lavoratore privato perde definitivamente il lavoro, e questo dopo che il mini-datore di lavoro fallisce.

Lo è, e non lo cambierò. Pablito lo accetterei, non di più. Lavoratori statali, accettate anche questo. Quando hai un brutto momento, il resto sta vivendo una tragedia. E quando vivi una tragedia, il resto sarà morto. Il tuo lavoro è uno shock: nei cicli al rialzo i tuoi salari non aumentano tanto, ma nei periodi al ribasso perdi meno.

Non apprezzo se è buono o cattivo. È. Funziona. Ha sempre funzionato. Ciò che è cambiato è il modo in cui ottengono il potere e i gruppi che governano. Prima che il nobile governasse, ora gruppi organizzati sotto interessi omogenei che hanno la capacità di dare molti voti e di influenzare il voto degli altri. E questo cambierà solo se lo stato viene trasformato.

Per me non c’è più. Le cose funzionano e dovranno essere accettate.

Poi le altre questioni sono ideologiche o personali.
– Che il settore sanitario sia quello che gioca a questo, il che non ha nulla a che fare con la difesa della gestione della salute pubblica. È un altro dibattito. Perché anche i lavoratori privati ​​che si trovano negli ospedali pubblici stanno giocando sul sicuro.
– Che qualcuno si senta offeso dal personale perché c’è molta vivacità nella pubblica amministrazione, non vuol dire che ci siano. È noto che l’incentivo di molte persone è vivere nel cappello degli altri. E il sistema di incentivi statali lo rende più possibile del settore privato. Abbiamo tutti casi davvero notevoli, e ben piantato non uno, ma diverse esperienze accumulate nel corso degli anni.
– Non fraintendermi. Quelli di voi che sono bravi lavoratori, chi siete, è a causa del vostro atteggiamento personale. Ma ciò che non lo è, non ha ulteriori conseguenze, per non perdere il lavoro. E questo fa male anche a te. Perché dovresti essere più riconosciuto per ciò che contribuisci e il tuo impegno per la società e non essere equiparato al cappello. Ti ammiro per aver mantenuto forte il tuo impegno personale in un ambiente che non ti riconosce o che tiene la stessa considerazione, salariale e personale, sul gorrn.

Fondamentalmente, penso che Pablito abbia più ragione che torto nel descrivere come funzionano le cose e cosa sta succedendo di nuovo, ma ha torto nel “dovrebbe”. Le cose stanno bene, punto. E se sei un imprenditore dovrai prepararti a gestirlo, non aspettare che gli altri cambino. Il sistema non cambierà per te.

Per il resto, capisco che ti fa male essere chiamato fortunato, perché molti di voi se lo sono guadagnato e siete grandi lavoratori e vi colpisce anche dalla crisi precedente, ma il tennis accetta di aver sofferto meno degli altri. Ne sarò consapevole, lo accetto e mi congratulo con me stesso per avere questo vento a mio favore.

E nello staff, grazie per essere forte e per continuare a mantenere il vostro impegno, in un ambiente che sinceramente credo scoraggia. Perché è uguale a buono con cattivo.

Leave a Reply