Come calcolare la redditività di un immobile.

Ciao,

Grazie mille, VORTAC.

Il prezzo di acquisto dell’immobile è la somma di tutti i soldi che sono usciti dal tuo conto per comprarlo, non per tenerlo.

Ad esempio, al prezzo di acquisto (quello che hai dato al venditore) vanno aggiunte tutte le tasse che hai pagato sull’acquisto, le commissioni all’agenzia se ce ne sono, i costi di ristrutturazione se ce ne sono stati, ecc.

I costi di manutenzione (IBI, comunità di quartiere, ecc.) Vengono sottratti dall’affitto, per trovare il reddito netto.

La redditività è calcolata con l’utile netto e il prezzo totale di acquisto.

Supponiamo che un appartamento costi 100.000, più 10.000 per ITP, avvisi, ecc., Più altri 15.000 da ristrutturare in modo da poterlo affittare. Il prezzo totale è di 125.000.

Se l’affitto è di 600 euro e le spese ammontano a 200 euro, il reddito netto mensile è di 400 euro e quello annuale è di 4.800 euro.

La redditività di questo appartamento, ipotizzando che sia sempre affittato, è del 3,84% (4.800 / 125.000).

Questo è se viene pagato per la spiegazione.

Se paghi con un mutuo, le cose si complicano.

Se paghi con un mutuo e l’affitto ti dà il diritto di pagare il conto, allora sarà fatto.

Come prezzo di acquisto metteremo l’importo investito. Supponiamo che siano 60.000 euro tra ingresso all’appartamento, tasse e ristrutturazione.

E supponiamo che il mutuo sia di 300 euro, lasciando un reddito netto di 100 euro.

Questo investimento darà un rendimento del 2% (1.200 / 60.000)

Ma se il padrone di casa non dà per pagare il mutuo, allora al momento non c’è ritorno.

Ad esempio, se il mutuo fosse di 500 euro, allora ogni mese dovrai mettere 100 euro in più di nuovi soldi, in modo che i 60.000 euro di investimento iniziale aumentino e non ci siano entrate, quindi questo investimento non darà redditività o darà una redditività negativa.

Quando il mutuo è appena estinto, il rendimento aumenta da quel momento in poi perché quella spesa viene tolta.

Quando l’appartamento viene venduto, da un lato, vengono sommati tutti i redditi generati dall’appartamento, dalla vendita e da tutti gli affitti riscossi.

E d’altra parte, tutti i costi di acquisto e di manutenzione vengono sommati.

Il resto è fatto e si vede se fornisce una cifra positiva o negativa. Si può annualizzare questo rendimento, ma è un calcolo complicato perché il mutuo viene estinto in molti anni e così via.

Un saluto.

Leave a Reply