Ci sono rischi nel business digitale? – Agustín Grau

Abbiamo parlato molto del business digitale in questo blog, dei suoi vantaggi e possibilità, ma… c’è qualche rischio da tenere in considerazione?

Come in ogni aspetto della vita, non c’è niente di assoluto. Tutto ciò che fai e progetti che intraprendi ha i suoi pro e i suoi contro, i suoi lati positivi e quelli meno positivi (i rischi), quindi devi valutare tutto questo per prendere decisioni e farlo nel miglior modo possibile.

Guadagni con le attività online?

Certo, fare le cose per bene può guadagnare denaro.

Se hai un progetto professionalizzato (che non tutti hanno) e il tuo prodotto o servizio è richiesto (cioè è qualcosa che le persone richiedono perché ne hanno bisogno), vengono dati i requisiti perché abbia successo. Ma ci sono cose di cui parleremo più avanti, per le quali potrebbe essere conveniente avere una copertura per un business digitale online.

Come forse saprai, ci sono molti modi per monetizzare un business digitale.

Puoi scegliere di creare siti di contenuti (un blog, per esempio) in cui monetizzare il traffico attraverso la pubblicità (il caso più tipico).

Puoi fornire i tuoi servizi come se fosse un’attività tradizionale, solo online. È il caso delle libere professioni. Le domande o le raccomandazioni possono essere fatte elettronicamente, nello stesso modo in cui erano precedentemente fatte di persona.

Puoi vendere prodotti, come infoprodotti o prodotti educativi digitali, per i quali puoi vendere sia i tuoi che quelli di terzi (marketing di affiliazione).

E c’è anche, tra l’altro, la possibilità di fornire servizi o consulenze a professionisti che lavorano su Internet. È il caso degli assistenti virtuali, che forniscono il proprio supporto e compiti di gestione a chi ha una propria attività digitale. Possono occuparsi dei social network, della gestione della posta, del calendario degli appuntamenti, degli ordini, ecc.

Quindi sì, i soldi possono essere fatti fintanto che sei un professionista e fai cose come un professionista, vendendo cose o fornendo servizi di cui le persone hanno bisogno.

Quali rischi ha un business digitale?

I principali rischi di un business digitale sono gli stessi di qualsiasi tipo di attività, sia essa fisica, faccia a faccia o qualunque cosa sia.

Che sia digitale o meno si riferisce solo al mezzo o supporto attraverso il quale funziona, ma se sei un avvocato e fornisci consulenza online, hai gli stessi rischi (o devi tenere in considerazione le stesse cose) come se fornissi lo di persona.

I rischi di qualsiasi attività commerciale sono la possibilità di incorrere in perdite se non funziona come dovrebbe e la possibilità di incorrere in responsabilità (crediti di terzi).

Per quanto riguarda il primo, c’è poco da dire o poco posso contribuire. Intraprendere è rischiare e c’è sempre la possibilità che l’impresa non funzioni. Nel mondo digitale, invece, le perdite saranno sempre inferiori rispetto al mondo fisico, avendo sostenuto meno spese.

Per quanto riguarda le possibili pretese di terzi quando ci assumiamo responsabilità, è una questione molto, molto importante da tenere in considerazione e che generalmente ignoriamo, ma alla quale dobbiamo prestare la dovuta attenzione se non vogliamo essere sorpresi un giorno.

Responsabilità civile di liberi professionisti digitali

È un principio generale di diritto che ogni persona che cagiona un danno, volontariamente o controvoglia, cioè intenzionalmente o per negligenza, è obbligata a riparare il danno causato.

Questo è molto buon senso e che, ovviamente, vale anche per il mondo del lavoro e, al suo interno, per il mondo digitale.

Se lavori su internet come nomade digitale, freelance, ecc., è normale che tu sia un libero professionista ed è normale che tu sia registrato, almeno quando le cose stanno già funzionando.

E i lavoratori autonomi, non lo vogliono, incorrono in responsabilità quando non abbiamo fatto qualcosa nel modo giusto. Da qui la responsabilità civile del lavoratore autonomo.

Indipendentemente dal fatto che tu abbia la documentazione in regola, se hai fatto qualcosa di sbagliato, la paghi. La casistica è molto varia, ma immaginate tutte le possibilità di arrecare danno (una cosa brutta) ad un cliente non avendo notato qualcosa o non avendo pagato la dovuta diligenza. Ovviamente non sbaglierai di proposito, ma puoi sbagliare perché siamo umani.

Puoi perdere dati o documenti riservati, puoi dimenticare una scadenza o un appuntamento, puoi incorrere nella cancellazione di un’intera pagina web e non avere copie di backup, ecc. Le ipotesi sono molto varie e, in tutte, cosa succede? Che sorge la responsabilità civile dei liberi professionisti.

Una possibilità per ovviare a ciò è l’assicurazione che può farsi carico della nostra difesa (sia civile che penale), nonché i costi e le spese legali o stragiudiziali del sinistro.

Tali assicurazioni, di norma, garantiscono anche la costituzione dei vincoli giudiziari che possono essere richiesti a garanzia della responsabilità civile di chi esercita l’attività digitale online.

Come ho detto, è un problema da tenere in considerazione, e soprattutto oggi con cose come il LISI e il RGPD…

Il LISI e il GDPR?

Non metterti le mani alla testa, te lo dico io…

Il LISI è la legge delle misure per promuovere la società dell’informazione e il RGPD è il regolamento generale sulla protezione dei dati.

La prima contiene disposizioni sull’accessibilità dei siti web, sui servizi di assistenza clienti e su molte altre questioni, inclusi reclami, incidenti e problemi.

Il GDPR più recente è quello che potrebbe suonarti più familiare a causa del trambusto che ha causato. Contiene le disposizioni da rispettare e rispettare in termini di protezione dei dati da parte di qualsiasi azienda che commercializza prodotti o servizi all’interno dell’Unione Europea. Ovviamente anche digitali.

In teoria, tutte queste norme mirano a tutelare e garantire maggiori livelli di sicurezza ai cittadini, ma in pratica diventano incomprensibili attraverso le quali l’autonomo digitale deve navigare con attenzione per non incorrere in molteplici assunzioni di responsabilità.

Pertanto e in conclusione, quando si intraprende digitalmente, valuta sia i possibili guadagni che i possibili rischi. E a proposito di questi, valuta la comodità di avere una copertura contrattata che ti possa tutelare in caso di sinistri. Ma non solo da reclami, ma anche da cose che possono verificarsi come deterioramento, furto o perdita di apparecchiature informatiche che hai nel tuo posto di telelavoro.

Spero che l’articolo ti sia piaciuto e ti sia stato utile!

Potrebbe interessarti anche

Le due schede seguenti modificano il contenuto di seguito.

Scrittore, formatore e imprenditore. parlo di libertà finanziaria, reddito passivo, prodotti informativi, crescita personale, talento e conoscenza. Mi piacerebbe aiutarti ad arrivare in quel posto dove sei veramente tu e puoi generare ricchezza. Il mio motto: siamo creatori, siamo liberi. Pure: libertà personale + libertà finanziaria = libertà totale. (Se non vuoi perderti nulla, ti invito a far parte della community qui).

Leave a Reply