Capire il motivo dell’aumento del petrolio

Sappiamo tutti che dallo scorso marzo c’è stato un importante punto di svolta nella maggior parte dei mercati dopo che si è iniziato a sapere di più sul coronavirus e le buone notizie che stavano cominciando ad arrivare sulla creazione di vaccini, a parte il fatto che le dure misure di chiusura dei paesi stavano cominciando ad avere effetto.

Se guardiamo ai settori (aggiornato al 3 marzo di quest’anno), l’energia è stata quella che ha performato meglio e quelli che seguono sono i materiali, finanziario, industriale e tecnologico. Se prendiamo solo il 2021, abbiamo anche l’energia in testa alla classifica (+ 32%), seguita da finanza, comunicazione, industria e materiali.

Nel grafico seguente possiamo vedere il grande rally energetico che sta già raddoppiando la redditività quest’anno finanziario.

Immagine

Se andiamo alle materie prime e guardiamo agli ultimi 6 mesi abbiamo il gas naturale in aumento + 52%, rame + 61%, alluminio + 76%, soia + 59%, mais + 43,5%. Naturalmente, non sorprende che il Bloomberg Commodity Index quest’anno sia cresciuto di quasi il + 22%, battendo tutti gli indici di Wall Street ed europei.

Immagine

Ma oggi vorrei concentrarmi un po ‘sul petrolio. Il barile di Brent è cresciuto del + 61% negli ultimi 4 mesi e nel 2021 del + 41%. Così, ha raggiunto l’area di $ 70, qualcosa che non era accaduto da prima della crisi della pandemia covid 19 e il West Texas WTI ha raggiunto i massimi di ottobre 2018.

Immagine

E a cosa è dovuto questo aumento vertiginoso? Bene, fino ad ora potremmo sostanzialmente riassumerlo come segue:

– Le continue tensioni in Medio Oriente non hanno mai aiutato esattamente la stabilità dei prezzi e questa volta non sarebbe stato diverso.

– Le scorte sono state ridotte a seguito dei tagli alla produzione dell’OPEC. Questa è una realtà che più o meno potrebbe già essere percepita.

– La domanda di greggio da parte dei paesi emergenti continua ad aumentare e sappiamo già che quando la domanda di un prodotto o servizio aumenta, il primo effetto o conseguenza è un aumento del suo prezzo.

– Minore produzione di scisto. Un’altra domanda che è stata data per scontata.

– Le aspettative del ritorno alla normalità a poco a poco con l’arrivo dei vaccini. E il fatto è che la mancata chiusura dei paesi ha fatto sì che almeno l’uso di automobili, treni, camion, persino aerei allevia la situazione.

Ma è stato aggiunto un nuovo elemento, che è proprio quello che ha spinto il greggio di riferimento nel vecchio continente a superare l’area dei 70 dollari durante la sessione odierna di lunedì: l’Arabia Saudita è stata attaccata domenica con droni e missili e lo è già. la seconda volta accade in una settimana. Nello specifico, sono stati gli houthi yemeniti ad attaccare una serie di strutture petrolifere saudite, come la struttura di Aramco, chiave per le esportazioni di petrolio. Tutto ciò potrebbe far continuare gli aumenti almeno nel breve periodo, poiché il mercato deve prezzare qualche tipo di premio al rischio, poiché questi tipi di attacchi virulenti stanno diventando sempre più comuni.

È vero che un rialzo eccessivo, o meglio, un aumento del prezzo di un barile di oro nero influisce negativamente su molte economie, come è il caso della Spagna, che non vende, ma compra, ed è anche vero che un aumento nel prezzo del greggio aumenta l’inflazione, altro fatto negativo per le economie, soprattutto se si superano troppo certi livelli. Ma sicuramente molti di voi non sapevano che l’S & P500 non affonda nemmeno con il petrolio. Ad esempio, abbiamo recentemente assistito a un aumento del + 5%, beh, le 2 precedenti occasioni in cui è aumentato del + 5% o più sono state all’inizio di novembre e all’inizio di ottobre, perché in quelle due occasioni l’S & P500 è salito del + 1,2% e + 1,8% rispettivamente. Pertanto, i cliché non sono sempre soddisfatti.

E continuando con la Spagna, si noti che lo scorso ottobre aveva calcolato tutto con la premessa di un barile di Brent a 46,6 dollari e ora è quasi 25 dollari in più. Un colpo che finirà per incidere sul PIL.

Iscriviti (è gratuito) e così riceverai gli articoli che vengono scritti comodamente e in tempo reale nella tua email. Clicca qui sottoscrivere

I miei servizi

Rivolto a chiunque sia interessato ai mercati finanziari, sia a chi vuole iniziare in piccolo e imparare, sia a chi investe da tempo. Tutto questo spiegato in modo semplice e divertente, con l’obiettivo che tutti lo capiscano indipendentemente dalle loro conoscenze o esperienze.

Leave a Reply