Bogleheads di sistema …. quali inconvenienti vedi?

Penso che una buona sintesi potrebbe essere la strategia definita da IEB come “Acquista un indice ampio a intervalli regolari”:

https://www.investireoggi.info./est…_regulares.htm

che è una semplice strategia che utilizza gli indici. Può essere fatto con fondi indicizzati o con ETF. Di solito è fatto con diversi mercati, non solo quello nazionale, e una parte è distribuita in reddito fisso e un’altra in azioni. Più vecchio, meno proporzione in RV. Ogni mese / trimestre, … viene acquistata la stessa quantità di fondi / ETF e viene calcolata la media (quando è più economica cpmpras ms e viceversa) e una volta all’anno o ogni due, si ristruttura il portafoglio per adattarlo alle percentuali impostate .

È un sistema semplice che richiede solo l’automazione dell’investimento. I vantaggi e gli svantaggi dello stesso sono riassunti da IEB nel tuo articolo.

In quanto tale, il metodo accetta più variabili, ad esempio, gli indici di settore per “stile” di investimento, in modi in cui gli ETF possono essere acquistati da società SP-500 che investono nomi in società di valore, o per dimensione. …

Mai, ovviamente, investire nei mercati di tutto il mondo: America, Pacifico, Emergenti, Europa … L’ideale è investire meno nei mercati con più rischio (anche se con maggiore redditività)

In effetti, verrà soppesato il contributo di questi pregiudizi. Ad esempio è possibile acquistare per l’SP-500 il 50% di un ETF che replica nell’indice completo, e il 20% di ETF di piccole imprese, un altro 30% per ETF di società di valore indipendente delle dimensioni ,,,,

Anche nell’ambito del reddito fisso si preferisce che sia a breve termine, per dargli più segretezza, anche se ci sono persone che preferiscono aumentare un po ‘nel medio termine. Puoi anche scegliere tra RF aziendale o statale.

Il metodo è molto semplice, ma le varianti sono infinite. Ciò che segue resta da scegliere il veicolo di investimento (ETF o fondi indicizzati) e quali percentuali attribuire a ciascun elemento, scegliendo poi il product manager (Vanguard, iShares, Amundi, SPDR, ….). Quello che si cerca sempre è scegliere i fondi con il costo di gestione più basso (ovviamente inferiore all’1% – si possono raggiungere ETF dello 0,10% ter-), in quanto infatti questi fondi replicano solo indici, e non meritano i costi di i cosiddetti fondi “attivi”.

È il massimo che ho pensato di riassumere ….. In ogni caso si può optare per un sistema di acquisto diretto di azioni spagnole, insieme ad un investimento in fondi per altri mercati.

Leave a Reply